DA MARZO 2009 A OGGI

Le immagine pubblicate in questo sito sono in ordine cronologico inverso. Partendo dall'ultima immagine realizzata, vanno a ritroso fino all'inizio del 2009 quando sono iniziate le prime riprese.

Molti oggetti sono stati ripresi in più occasioni, spesso con strumentazione diversa, pertanto, è possibile trovare lo stesso soggetto pubblicato più volte.

Ho scelto questo tipo di sequenza per dar modo, a chi vorrà, di ripercorrere tutta la mia attività, dagli inizi a oggi.

Buona visione.

Roberto

lunedì 17 agosto 2020

M17 Omega Nebula (Sagittarius) & VdB142 (IC1396) Elephant Trunk (Cepheus)


Lainate, 17 Agosto 2020
Altre due immagini riprese nella notte tra il 4 e il 5 Agosto in contemporanea con le foto pubblicate nei giorni scorsi (M17 Ha_RGB_OIII e VdB142 H-alpha).
In questo caso le riprese sono state effettuate con Tecnosky Apo Triplet 80/480 (rid. f/4.8) e QHY 183c (color camera) Optolong L-Enhance Filter.
In entrambi i casi si tratta di poco meno di 3 ore di ripresa con pose da 300". Ho tagliato la parte destra delle due foto per la presenza di una macchia probabilmente dovuta ai flat deteriorati e comunque non sono del tutto convinto del risultato, ma questo è quanto.

venerdì 14 agosto 2020

VdB142 Elephant Trunk - Cepheus

Lainate, 13 Agosto 2020
vdB 142 è una piccola nebulosa oscura, visibile nella costellazione di Cefeo.

Si individua verso l'area centrale del grande complesso nebuloso noto come IC 1396, pochi primi d'arco ad ovest dell'ammasso aperto associato alla nebulosa; nonostante le sue ridotte dimensioni, si evidenzia con una discreta facilità, a causa della sua profonda oscurità e per la sua forma, che le ha conferito il soprannome di Proboscide di Elefante. Trovandosi a declinazioni molto settentrionali, si presenta circumpolare dalla gran parte dell'emisfero boreale; tutt'attorno appare circondata da un campo stellare relativamente ricco, e la presenza della nebulosità diffusa di IC 1396 ne risalta ulteriormente la sua natura di nebulosa oscura. La scia scura è interrotta da due stelle di ottava magnitudine.
Altra ripresa della notte tra il 4 e i 5 Agosto, semplice h-alpha con la Luna praticamente piena.
8x20' binning 1 Optolong 7nm filter
AstroProfessional 115/800 Apo Triplet - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

sabato 25 luglio 2020

NGC6888 Crescent Nebula (Nébuleuse du Croissant) Cygnus


Lainate, 25 Luglio 2020
NGC 6888 (nota anche come Nebulosa Crescente o con la sigla C 27) è una nebulosa diffusa visibile nella parte meridionale della costellazione del Cigno.
La nube risplende per riflessione, a seguito dell'energia ricevuta durante l'esplosione della stessa supernova. Nel giro di pochi millenni si prevede che l'oggetto svanirà del tutto, disperdendosi nel mezzo interstellare. I gas della nebulosa appaiono centrati su una stella di Wolf-Rayet (HD 192163), che si trova ora al suo interno; questa stella sarebbe anche la responsabile della nebulosa, che costituirebbe il materiale degli strati più esterni della stella espulsi, che avrebbero poi colliso con altre nebulose creando così la forma che si osserva. Secondo altri studi si tratterebbe invece di un resto di supernova la cui stella progenitrice faceva parte del sistema di HD 192163. La nebulosa si estende nello spazio per una dimensione di circa 16 anni luce. (Wikipedia)
Dopo la versione in h-alpha di un paio di settimane fa, ripresa col VMC200L, la scorsa notte ho effettuato due ulteriori riprese in contemporanea con i rifrattori:
- 36x300" bin1 - Tecnosky Apo Triplet 80/480 rid. f/4.80 (F384mm) - Color Camera QHY 183c - Optolong L-Enhance Filter

- Ha_RGB_OIII - AstroProfessiol 115/800 - Moravian G2 8300 - Optolong Filters
Ha e OIII 4x1200" (per canale) bin1 - RGB 3x300" (per canale) bin2

il tutto su iOptron CEM60 con mini guida Artesky 50/160 e Asi 290mm mini


M13 Hercules Globular Cluster

Lainate, 25 Luglio 2020
L'Ammasso Globulare di Ercole (conosciuto anche come M 13 dalla sua posizione nel Catalogo di Messier, oppure come NGC 6205) è un ammasso globulare visibile nella costellazione di Ercole.
Si tratta dell'ammasso globulare più luminoso dell'emisfero boreale ed è visibile anche ad occhio nudo. (Wikipedia)
Dopo i temporali di ieri mattina, cielo discreto ieri sera (per quanto può esserlo il cielo dal mio giardino).
Un passaggio su M13 in attesa che le nebulose estive passassero il tetto di casa mia e fossero quindi riprendibili anche dalla mia postazione.
LRGB: 65'10'10'10' subs 300" - LUM bin1 - RGB bin2
AstroProfessional Apo Triplet 115/800 - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

lunedì 20 luglio 2020

M20 Trifid Nebula -Sagittarius

Lainate, 20 Luglio 2020
La Nebulosa Trifida (nota anche come M 20, o NGC 6514) è una nebulosa a emissione e una regione H II situata nella costellazione del Sagittario.
Deve il suo nome alle tre linee scure di nubi di polvere che la dividono in tre parti. (Wikipedia)
Cielo non dei migliori, soprattutto alle basse declinazioni e integrazione complessiva abbastanza limitata, ma sono comunque abbastanza soddisfatto del risultato.
M20 LRGB: 70'15'15'15' - LUM subs, 10' bin1, filtro L-Pro - RGB subs 5' bin2
AstroProfessional Apo Triplet 115/800 - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

lunedì 13 luglio 2020

NGC6888 Crescent Nebula (Nébuleuse du Croissant) - Cygnus

Lainate, 13 Luglio 2020
NGC 6888 (nota anche come Nebulosa Crescente o con la sigla C 27) è una nebulosa diffusa visibile nella parte meridionale della costellazione del Cigno.
Si individua 2,5 gradi a sud-ovest della stella γ Cygni, subito ad ovest di un ricchissimo campo stellare, in cui sono inclusi oggetti come M29 e IC 4996. La parte più intensa della nebulosa si trova ad occidente, e forma un arco esteso più in declinazione che in ascensione retta; questa caratteristica ha fatto sì che la nebulosa fosse chiamata crescente, poiché presenta la "gobba" a ponente, come la Luna in fase crescente. Per individuarla occorre un telescopio, anche se di piccola apertura; un binocolo consente di intravederla appena in condizioni di cielo nitido.
La nube risplende per riflessione, a seguito dell'energia ricevuta durante l'esplosione della stessa supernova. Nel giro di pochi millenni si prevede che l'oggetto svanirà del tutto, disperdendosi nel mezzo interstellare. I gas della nebulosa appaiono centrati su una stella di Wolf-Rayet (HD 192163), che si trova ora al suo interno; questa stella sarebbe anche la responsabile della nebulosa, che costituirebbe il materiale degli strati più esterni della stella espulsi, che avrebbero poi colliso con altre nebulose creando così la forma che si osserva. Secondo altri studi si tratterebbe invece di un resto di supernova la cui stella progenitrice faceva parte del sistema di HD 192163. La nebulosa si estende nello spazio per una dimensione di circa 16 anni luce. (Wikipedia)

Sempre nella notte tra l'11 e il 12 Luglio, costretto a interrompere la ripresa su M17 e alla ricerca di una zona di cielo libera da nuvole, la scelta è caduta su questo resto di supernova, terminando la ripresa quando ormai stava facendo giorno.
H-alpha 7x20' bin1
Vixen VMC200L rid. f/6 - Moravian G2 8300 - Optolong 7nm filter - iOptron CEM60

M17 Omega Nebula (or Swan, Lobster, Horseshoe Nebula) Sagittarius

Lainate, 13 Luglio 2020
La Nebulosa Omega (nota anche come Nebulosa Cigno, Nebulosa Ferro di Cavallo, Nebulosa Aragosta o con le sigle di catalogo M 17 e NGC 6618) è una nebulosa a emissione, scoperta da de Chéseaux nel 1746 e riscoperta da Charles Messier nel 1764, situata nella costellazione del Sagittario.
Grazie alla sua luminosità, La Nebulosa Omega è piuttosto facile da localizzare: si trova infatti a 2° a sud-est della stella γ Scuti. si individua con discreta facilità anche con un binocolo 10x50 o anche più piccolo, se il cielo è buio e limpido: si mostra in questi strumenti come una macchia allungata; attraverso uno strumento da 114 mm, munito di un filtro UHC, rivela buona parte delle sue sfumature e dei suoi giochi di luce. A partire da 200 mm la visione è eccezionale, e conviene prendere una foto a lunga posa per catturare il colore rosato. (Wikipedia)
Questa è la seconda immagine ripresa nella notte tra l'11 e il 12 Luglio. Anche in questo caso, disturbato dalle nuvole, ho dovuto interrompere la ripresa, ma vista la luminosità del soggetto, già con 80 minuti il risultato è soddisfacente.
H-alpha 7nm - 4x20' bin1
Vixen VMC200L rid. f/6 - Moravian G2 8300 - Optolong Filter - iOptron CEM60

M5 Globular Cluster - Serpens Caput Constellation

Lainate, 12 Luglio 2020
Serata, quella di ieri, iniziata con buone aspettative, ma che nel corso della notte si è rivelata meno bella di quello che ci si poteva aspettare,
Varie velature di passaggio mi hanno costretto a interrompere le riprese, a volte anche cambiando soggetto alla ricerca di zone di cielo limpido.
In ogni caso la serata è iniziata con questo Ammasso Globulare nella Costellazione della Testa del Serpente.
LRGB: 60'15'15'15' (subs 5' - LUM bin1 - RGB bin2)
Vixen VMC200L rid. F/6 - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

giovedì 9 luglio 2020

Pillars of Creation in The Eagle Nebula (M16)- Serpens Cauda

Lainate, 9 Luglio 2020
Il nome "Pilastri della Creazione" si riferisce ad una fotografia ripresa dal telescopio spaziale Hubble di colonne di gas interstellare e polveri visibili nella Nebulosa Aquila; è stata scattata il 1º aprile 1995 e viene considerata come una delle dieci migliori fotografie scattate dall'Hubble.
Queste immagini hanno aumentato notevolmente il nostro livello di comprensione dei processi di formazione stellare in atto all'interno della nebulosa. Si pensa che le sue aree oscure siano associate a protostelle o comunque ad oggetti stellari giovani. La struttura a "pilastri" ricorda altre strutture simili, come quella della grande area di formazione stellare in Cassiopea nota con la designazione W5 e soprannominata "Montagne della Creazione".
La Nebulosa Aquila (nota anche come M 16 o NGC 6611) è una grande regione H II visibile nella costellazione della Coda del Serpente; è formata da un giovane ammasso aperto di stelle associato ad una nebulosa a emissione composta da idrogeno ionizzato, catalogata come IC 4703.
La sua distanza è sempre stata relativamente incerta, ma si tende ad accettare un valore di circa 7000 anni luce dalla Terra, ponendola così nella zona media del Braccio del Sagittario; contiene alcune formazioni estremamente conosciute, come i Pilastri della Creazione, le lunghe colonne di gas oscuro originate dall'azione del vento stellare delle componenti dell'ammasso centrale e che sono responsabili anche del nome proprio della nebulosa stessa, a causa della loro forma. In esse sono presenti alcuni oggetti stellari giovani, che testimoniano che i processi di formazione stellare sono tuttora in atto, anche se non è chiaro se questi siano favoriti od osteggiati dall'azione del vento stellare delle stelle vicine, né è chiaro se il vento effettivamente influisca in qualche maniera su questi fenomeni. L'ammasso è composto da un gran numero di supergiganti blu molto calde e brillanti; la loro età tipica è di appena 2-3 milioni di anni, cioè meno di un millesimo dell'età del nostro Sole; la stella più brillante dell'ammasso è di magnitudine 8,24 ben visibile anche con un binocolo.
La nebulosa è nota fin dal Settecento ed è uno degli oggetti più noti fra quelli del Catalogo di Messier; si rivela con facilità nelle fotografie ed è dunque un buon soggetto per gli appassionati dell'astrofotografia amatoriale. (wikipedia)

Dopo le divagazioni vacanziere con DSLR, Comete e Luna, sono tornato alle mie solite riprese al telescopio.
In questo caso si tratta di un narrow band Ha_SIIHaOIII ripreso la scorsa notte con Vixen VMC200L ridotto a f/6, Moravian G2 8300 con filtri Optolong su iOptron CEM60
H-alpha 6x20' binning1
SII e OIII 3x15' binning2

Gibbosa calante

Lainate, 9 Luglio 2020
Verso le 5 del mattino, quando il cielo ormai stava schiarendo, prima di chiudere la postazione, ho fatto una sessantina di scatti da 0.001 secondi con Moravian G2 8300 - VMC200L ridotto a f/6 e filtro h-alpha. Tradotti gli scatti in un filmato AVI ho poi eseguito lo stack con AutoStakkert

Comet C/2020 F3 Neowise



Lainate, 9 Luglio 2020
Come altre centinaia di persone, questa notte, anch'io mi sono cimentato nella ripresa di questa spettacolare cometa.
Purtroppo non ho l'orizzonte libero, ma fortunatamente uscendo in strada sono riuscito a trovare uno spazio tra le case che mi hanno consentito di osservarla col binocolo e quindi provare a scattare qualche immagine con Eos 4000D e zoom 18-200 Tamron (10 secondi a 200mm) e semplice cavalletto.

lunedì 6 luglio 2020

Congiunzione Luna - Giove - Saturno del 5/7/2020

Lainate, 6 Luglio 2020
Piccolo contributo fotografico della congiunzione di ieri sera tra la Luna, Giove (in alto) e Saturno (a sinistra).
Combinazione HDR di 3 scatti con diversi tempi di esposizione, Canon EOS 4000D e Tamron 18-200

giovedì 2 luglio 2020

Summer Triangle

La Presqu'ile de Giens
15 secondi dedicati al Triangolo Estivo, anche in questo caso, singolo scatto con EOS 4000D e cavalletto, senza inseguimento (400 ISO a f/5 F18mm). Purtroppo a causa del vento che faceva vibrare la macchina fotografica, le stelle più luminose hanno la coda.

martedì 30 giugno 2020

Ursa Major

Presqu'ile de Giens, 30 Giugno 2020
Quest'anno in vacanza non mi sono portato strumentazione astronomica, ieri sera ho provato qualche immagine con la dslr e cavalletto. Questa immagine sull'Orsa Maggiore è il risultato di un singolo scatto di 15 secondi (senza inseguimento) con Canon EOS 4000D e zoom Tamron 18-200 a 18mm f/4.5 e 200 ISO

domenica 7 giugno 2020

NGC4631 Whale Galaxy - Canes Venatici

Lainate, 7 Giugno 2020
NGC 4631 (nota anche come C 32 o col soprannome Galassia Balena) è una grande galassia a spirale nella costellazione dei Cani da Caccia.

Si individua 4,5 gradi a NE della stella γ Comae Berenices; si presenta in piccoli strumenti come una lunga scia luminosa (nell'immagine è quella a destra). Telescopi da 200 mm di apertura mostrano che il bulge si trova in posizione leggermente decentrata, ed è attraversato da una sottile striscia di nebulosità oscura e irregolare; a nord si individua la piccola galassia ellittica NGC 4627. Si tratta di una delle spirali orientate di profilo più grandi e vicine conosciute: la sua distanza dalla Via Lattea è stimata attorno ai 12 milioni di anni-luce, il che ne fa una delle spirali giganti più prossime al nostro Gruppo Locale; fa parte, assieme alla galassia NGC 4656, di un "Gruppo Locale" simile al nostro.(Wikipedia).
Nonostante la Luna piena e riprese interrotte dal sopraggiungere delle nuvole, in queste ultime serate qualcosa sono riuscito comunque a fare, tra il 31/5 e il 5/6 sono riuscito a riprendere 100 minuti di luminanza da aggiungere agli RGB ripresi lo scorso anno. Avrei voluto fare di più, ma visto che andiamo incontro ad almeno una settimana di brutto tempo, inizio a mostrare quanto raccolto finora.
NGC4631 - LRGB: 100'60'60'60'
LUM: subs 10' binning1 - Optolong L-Pro Filter
RGB: subs 5' binning2 - Optolong RGB Filters
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1209mm) - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

sabato 30 maggio 2020

29/5/2020 Crescent Moon

Lainate, 30 Maggio 2020
Nonostante le previsioni non fossero delle migliori, ieri sera ho comunque preparato tutto, ma con il buio sono arrivate anche le nuvole. Tramontata quindi la possibilità di foto al cielo profondo, visto che attorno alla Luna il cielo è rimasto sereno per un po', ho dedicato qualche minuto al nostro satellite, ormai prossimo al primo quarto.
Con il set-up pronto per il deep sky (VMC200L rid. f/6 e Moravian G2 8300) ho eseguito 150 scatti da 0,001 sec. bin2 e filtro h-alpha 7nm che ho poi utilizzato per realizzare un filmato da cui grazie a Registax ho estratto l'immagine finale.

giovedì 28 maggio 2020

M8 Lagoon Nebula - Sagittarius

Lainate, 28 Maggio 2020
La Nebulosa Laguna (anche nota come M 8, o NGC 6523) è una nebulosa diffusa visibile nella costellazione del Sagittario; fu scoperta da Le Gentil nel 1747.(wikipedia)

Si tratta di una delle regioni H II più brillanti della volta celeste ed è visibile anche ad occhio nudo sotto cieli abbastanza limpidi e bui.
E per concludere la nottata, quando ormai erano le 4 del mattino, hanno iniziato a mostrarsi a sud quelli che sono i miei target fotografici favoriti, ovvero le grandi nebulose estive.
Purtroppo ora le notti sono brevi, inizia ad albeggiare prima delle 5 e quindi solo 45 minuti da dedicare a questa nebulosa che è comunque tra le più luminose del cielo.
3x15' bin1 - H-alpha 7nm Optolong Filter
Vixen VMC200L rid. f/6 - Moravian G2 8300 - i Optron CEM60

M4 Globular Cluster - Scorpius

Lainate, 28 Maggio 2020
M4 (noto anche come NGC 6121) è un brillante ammasso globulare visibile nella costellazione dello Scorpione; è visibile anche con piccoli strumenti.
 M4 è uno degli ammassi più facili da localizzare: basta infatti puntare su Antares e spostarsi di appena 1.3° ad ovest; in condizioni atmosferiche ottimali è perfino visibile ad occhio nudo, sebbene con estrema difficoltà, mentre già con un buon binocolo è facilmente osservabile. Un telescopio da 120mm permette già di risolvere alcune delle sue componenti stellari, sebbene la gran parte dell'oggetto permanga di aspetto nebuloso.
M4 può essere osservato con facilità anche quando non si mostra molto alto sull'orizzonte, ma occorre tener presente che si tratta di un oggetto situato a declinazioni moderatamente australi, dunque in alcune aree del Nord Europa e del Canada, a ridosso del circolo polare artico, non è mai osservabile; dall'emisfero sud, al contrario, M4 è ben visibile e alto nelle notti dell'inverno australe. Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra maggio e agosto. (wikipedia)
Ultimata la ripresa su M104, la seconda parte della nottata l'ho dedicata a questo ammasso globulare, anch'esso abbastanza basso sull'orizzonte e che si perde un po' nella bruma padana.
LRGB: 65'15'15'15' - Subs 5' - LUM bin1/RGB bin2 - Optolong Filters
Vixen VMC200L rid. f/6 - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

M104 Sombrero Galaxy - Virgo

Lainate, 28 Maggio 2020
La Galassia Sombrero (conosciuta anche con le sigle M 104 o NGC 4594) è una galassia nella costellazione della Vergine. La sua vista di taglio con la sua banda oscura l'ha resa famosa ed è un oggetto privilegiato nella fotografia astronomica amatoriale.
Dopo un mese di inattività dovuta alle condizioni meteo sfavorevoli, ho finalmente tolto le ragnatele al telescopio. La serata è iniziata con la ripresa di questa galassia lenticolare a 29 milioni di anni luce.
Nonostante sia un target relativamente facile da riprendere, dalla mia postazione (dove ho tutto l'Est ostruito) le cose si complicano un po'. Su oggetti così bassi sull'orizzonte sono costretto a iniziare la ripresa dopo il passaggio del meridiano, quindi con poco tempo a disposizione e la galassia che sta scendendo verso il tramonto.
LRGB: 115'15'15'15' (Crop)
Luminance: subs 10' - bin1 - Optolong L-Pro Filter
RGB: subs 5' - bin2 - Optolong RGB Filters
Vixen VMC200L rid. f/6 - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

domenica 10 maggio 2020

M63 Sunflower Galaxy - Canes Venatici (Work in progress)

Lainate, 10 Maggio 2020
La Galassia Girasole (conosciuta anche come M 63 o NGC 5055) è una galassia a spirale visibile nella costellazione boreale dei Cani da Caccia; fu scoperta nel 1779 da Pierre Méchain, collega e amico del Messier e che collaborò alla stesura del celebre catalogo.
M63 si trova con una certa facilità, 1,5° a nord della concatenazione di stelle composta da 19, 20, 23 CVn, a loro volta 3° a NE di Cor Caroli; può essere individuata senza difficoltà anche con un binocolo in notti particolarmente nitide, in cui si mostra come una macchia diffusa senza condensazione. Un telescopio amatoriale da 60-80mm la mostra come una chiazza estesa per alcuni primi d'arco piuttosto appariscente, mentre l'alone diventa visibile in un riflettore da 150mm; il nucleo diventa quasi di aspetto granuloso in un 300mm, mentre diventano visibili anche i due bracci, come delle estensioni leggere del nucleo stesso a WNW e a ESE.(Wikipedia)
Visto che dal 22 Aprile (quando ho iniziato su questa galassia)  sono in attesa di completare con una luminanza adeguata questa ripresa, ma il meteo non ne vuole sapere di migliorare, ho deciso di elaborare quanto raccolto per il momento. Manca l'alone esterno della galassia, ma, in attesa di tempi migliori per il momento ci accontentiamo.
LRGB 180'60'60'60' subs 10' binning2
Vixen VMC200L f/9.75 (F1950mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

martedì 5 maggio 2020

Tyco, Calvius & Co.

Lainate, 5 Maggio 2020
Sempre sfruttando quanto ripreso il 3/5 con il setup che sto usando per il cielo profondo, ho ricavato questo crop dove in primo piano ci sono i due crateri Tyco e Calvius.
Filmato AVI realizzato con una settantina di scatti da 0,001 sec. con Moravian G2 8300 e filtro H-alpha da 7nm e poi processato con AutoStakkert, drizzle 1.5x e unsharp mask.
Vixen VMC200L f/9.75 (F1950mm) su iOptron CEM60

Cor Caroli - Double Star - Canes Venatici

Lainate, 5 Maggio 2020
Cor Caroli (α Canum Venaticorum / Alpha Canum Venaticorum), in italiano Cuore di Carlo, è la stella più brillante della costellazione boreale dei Cani da Caccia. Distante 110 anni luce dalla Terra e di magnitudine apparente 2,89, si tratta di una stella doppia facilmente risolvibile anche con un telescopio di piccole dimensioni.(Wikipedia)

Non che mi aspettassi molto dal cielo di ieri sera, vista la presenza della Luna ormai quasi vicina al plenilunio, ma l'arrivo delle nuvole ha fatto si che le mie riprese si limitassero a questa stella doppia.
LRGB 16'10'10'10' subs 60" - Lum bin1/RGB bin2
Vixen VMC200L f/9.75 (F1950mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

lunedì 4 maggio 2020

La Luna del 3/5/2020

Lainate, 3 Maggio 2020
Durante una serata dedicata ad alcuni test sull'attrezzatura, ne ho approfittato per immortalare il nostro satellite, anche se con il setup che uso per le riprese al cielo profondo.
Una serie di scatti da 0,001 sec. con filtro h-alpha, binning2 con Moravian G2 8300 e Vixen VMC200L - F1950mm
Ora le nuvole hanno avuto il sopravvento e quindi si chiude tutto e si va a dormire.

giovedì 23 aprile 2020

NG3628 Hamburger Galaxy - Leo

Lainate, 23 Aprile 2020
NGC 3628 è una galassia a spirale visibile nella costellazione del Leone.
Si tratta della terza compagna del Tripletto del Leone, un gruppo di tre galassie molto brillanti che comprende, oltre a questa, le ben note M65 e M66. Questa galassia si presenta come una compagna minore, meno luminosa ma molto estesa, con un lungo fuso luminoso che attraversa tutta la sua lunghezza, ben visibile in un telescopio amatoriale. (Wikipedia)
Per aggiungere qualcosa a una ripresa LRGB (60'25'25'25') fatta lo scorso anno col telescopio ridotto a f/6 (F1200mm), la scorsa notte ho ripreso 3 ore di luminanza a piena focale (1950mm). Servirebbe ulteriore integrazione, ma in quella zona del cielo ho una finestra temporale limitata e quindi vedrò se aggiungere qualcosa prossimamente.
2019: LRGB 60'25'25'25' subs 300" - Lum bin1 - RGB bin2 - F1200mm (f/6)
2020: LUM 18x600" bin1 F1950mm (f/9.75)
Vixen VMC200L -. Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

NGC2392 Eskimo Nebula - Gemini

Lainate, 23 Aprile 2020
La Nebulosa Eschimese (nota anche come Nebulosa Clown[4], C 39 o con la sigla di catalogo NGC 2392) è una nebulosa planetaria visibile nella costellazione dei Gemelli.
La nebulosa è visibile anche con un telescopio amatoriale di piccole dimensioni, in cui però si presenta come un dischetto chiaro privo di particolari; strumenti di dimensioni maggiori la rivelano come un oggetto dall'aspetto simile alla testa di una persona racchiusa dal cappuccio di una giacca a vento, da cui deriva il suo nome proprio.
Sicuramente non un'immagine spettacolare questo veloce LRGB, (solo 52 minuti complessivi con pose di un minuto) su questa piccolissima nebulosa planetaria. Nonostante i quasi 2 metri di focale resta un puntino nel cielo con dettagli appena visibili.
LRGB 22'10'10'10' subs 60" binning 2
Vixen VMC200L f79.75  (F1950mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

sabato 18 aprile 2020

M101 Pinwheel Galaxy - Ursa Major


Lainate, 18 Aprile 2020
La Galassia Girandola (nota anche come M 101, o NGC 5457) è una galassia a spirale nella costellazione dell'Orsa Maggiore. La galassia fu scoperta nel 1781 da Charles Messier e da Pierre Méchain. William Herschel fu il primo a osservare delle piccole macchie (che in realtà erano dei frammenti dei bracci a spirale) circondare la galassia. (Wikipedia)

Anche in questo caso si tratta di oltre 6 ore di luminanza ripresa tra le 2.00 del mattino e l'alba nelle stesse due notti in qui la prima parte (22.00 - 2.00) era stata dedicata alla luminanza di M81.
L'immagine a colori è stata realizzata grazie agli RGB ripresi lo scorso anno con lo stesso telescopio, ma ridotto a f/6 (F1200mm).
LRGB: 370'80'80'80' - LUM subs 10' bin1 - RGB subs 5' bin2
Vixen VMC200L f/9.75 (F1950mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60
Guide: NightTechnology Petzval 62/520 - Asi 290mm mini

venerdì 17 aprile 2020

M81 Bode's Galaxy - Ursa Major

Lainate, 17 Aprile 2020
Questa volta è l'ultima, poi, almeno per quest'anno, non vi annoierò più con questa galassia.
Visto che non ero del tutto convinto del risultato ottenuto con la ripresa tutta in binning2 (LRGB: 210'60'60'60') della scorsa settimana, nelle ultime due notti ho ripreso 6 ore di luminanza in binning1 con filtro Optolong L-Pro (24x900") per arrivare a questa immagine che trovo più soddisfacente della versione precedente.
LRGB: 210'60'60'60' (subs 10' bin2) + L: 360' (subs 15' bin1 L-Pro Filter)
Vixen VMC200L f79.75 (F1950mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters
Guide: Petzval NightTechnology 62/520 - Asi 290mm mini
iOptron CEM60

lunedì 13 aprile 2020

Luna gibbosa calante




Lainate, 13 Aprile 2020
La Luna è sempre quella ripresa verso le 6.00 della mattina di Pasqua con lo stesso set up usato per la sessione su M81 che avevo appena terminato. La foto precedentemente postata era il risultato di un singolo scatto, mentre questa immagine è la somma di 10 scatti (sempre da 0.001 sec. bin2 con filtro Ha) combinati con drizzle 1.5x. Per meglio evidenziare i dettagli ho eseguito anche dei crop delle zone interessate dal terminatore.
VMC200L f/9.75 (F1950mm) e Moravian G2 8300

domenica 12 aprile 2020

M81 - Bode's Galaxy (Ursa Major)

Lainate, 12 Aprile 2020
La Galassia di Bode, (nota anche come M 81 o NGC 3031) è una galassia a spirale situata a circa 12 milioni di anni luce dalla Terra, nella costellazione boreale dell'Orsa Maggiore. (Wikipedia)
Nuova ripresa su M81, effettuata la scorsa notte col VMC a piena focale (1950mm). Nonostante il passaggio da f/6 a f/9.75 comporti tempi di integrazione più lunghi, è mio parere che senza riduttore questo telescopio dia il meglio di se. Per risparmiare tempo ho provato a fare anche la Luminanza in binning 2 (contrariamente a quanto faccio solitamente) e credo che non ripeterò la cosa. La mia impressione è che in questo modo ne esca un'immagine meno incisa e più povera di dettagli. In ogni caso questo è il risultato di cui presento anche la versione in scala di grigi (fatta con la semplice conversione dell'immagine a colori).
LRGB 210':60':60':60' - subs 10' bin2
Vixen VMC200L f/9.75 (F1950mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

Gibbosa Calante (Quel che resta della Superluna di Aprile)

Lainate, 12 Aprile 2020
Stamattina verso le 6.00, al termine di una sessione di ripresa deep sky, con lo stesso set up che stavo utilizzando, ho scattato questa foto al nostro satellite che da poco aveva superato il meridiano.
Singolo scatto da 0.001 sec. bin2 con filtro h-alpha - VMC200L f/9.75 (F1950mm) _ Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

mercoledì 8 aprile 2020

M3 Globular Cluster in Canes Venatici Constellation

Lainate, 8 Aprile 2020
M 3 (conosciuto anche come NGC 5272) è un ammasso globulare visibile nella costellazione dei Cani da Caccia; è fra i più brillanti del cielo. M3 si trova relativamente lontano da stelle cospicue: la più vicina è β Comae Berenices, di magnitudine 4 circa, che si trova a circa 7° ad Ovest di quest'ammasso globulare; un aiuto può essere fornito anche da Arturo, la brillantissima stella arancione visibile più a sud. M3 è sicuramente uno degli oggetti più facili da osservare con uno strumento amatoriale: in condizioni di seeing veramente eccezionali è visibile persino ad occhio nudo, mentre con un binocolo l'ammasso è localizzabile con facilità e appare come un punto bianco e diffuso. Già con un telescopio da 100mm di apertura appare come un oggetto di 10' di diametro, mentre uno da 200mm può già risolverlo in centinaia di piccolissime stelle. (Wikipedia)
Ripresa del 4 Aprile, cielo sereno, ma con la presenza ingombrate della Luna, ormai vicina al plenilunio.
LRGB 165':40':40':40'  (subs 5' - Lum bin1/ RGB bin2)
Vixen VMC200L rid. f/6 (F106mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

lunedì 6 aprile 2020

Pk164+31.1 Headphone Nebula (Jones Emberson1) Lynx - (Ha_OIII)

Lainate, 6 Aprile 2020
Jones-Emberson 1 (PK 164 + 31.1), nota anche come Nebulosa delle Cuffie , è una nebulosa planetaria di 14 ° magnitudine nella costellazione della Lince a una distanza di 1600 anni luce.
La sua posizione si individua, non senza difficoltà, seguendo una lunga concatenazione di stelle di settima e ottava magnitudine che dalla stella ο Ursae Majoris (Mushida) si estende per circa 8° in direzione SSW, al termine della quale occorre spostarsi 1° a SE; estremamente sfuggente anche con un filtro O III, si rivela specialmente nelle foto a lunga esposizione e con un telescopio potente, con filtro Hα. (Wikipedia).
Vista la difficoltà del soggetto e la presenza della Luna ormai quasi piena, non reputavo fosse una grande idea lanciarmi nella ripresa in OIII (da combinare con l'h-alpha dell'altra settimana), ma visto che non avevo niente di meglio da fare ci ho provato lo stesso. Risultato non esaltante, ma si fa quel che si può.
Ha 7nm: 15x20' binning1 - OIII 6.5nm: 12x20' binning2
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

venerdì 3 aprile 2020

M51 Whirlpool Galaxy - Canes Venatici

Lainate, 3 Aprile 2020
Distante 31 milioni di anni luce, M 51 è un oggetto astronomico del catalogo di Messier che comprende due galassie distinte, nella costellazione boreale dei Cani da Caccia:

La più grande e famosa Galassia Vortice (anche nota come NGC 5194 e talvolta M51A) è una classica galassia a spirale. Fu scoperta da Charles Messier il 13 ottobre del 1773.
La più piccola galassia compagna nota come NGC 5195 (o anche M51B), è parzialmente coperta da un braccio di polvere della spirale Vortice (con la quale interagisce) ed è stata scoperta da Pierre Méchain nel 1781. (wikipedia).
Anche in questo caso, come per NGC4565, ho usato RGB dello scorso anno e Luminanza ripresa la scorsa notte. Con la Luna già oltre il primo quarto, la luminanza è risultata un po' sofferente, magari dopo il plenilunio provero a integrare ancora un po'.
LRGB 230':85':85':85' - Optolong Filters
LUM: subs 10' binning1 - L-Pro Filter
RGB: subs 5' binning2
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

giovedì 2 aprile 2020

NGC4565 Needle Galaxy (Edge on Spiral Galaxy) - Coma Berenices

Lainate, 2 Aprile 2020
NGC 4565 (nota anche come C 38) è una galassia a spirale nella costellazione della Chioma di Berenice.
Si individua con facilità 2,5 gradi a sud-est della stella γ Comae Berenices; si presenta perfettamente di taglio, così appare come un lungo fuso. Visibile anche con modesti strumenti, in telescopi da 200mm di apertura la vista è stupenda: per l'intera lunghezza della galassia è ben evidente una fascia oscura, in posizione leggermente asimmetrica rispetto al nucleo, che la rende straordinariamente simile alla nostra Galassia, alla quale per altro si avvicina sia come forma reale, sia come dimensioni. Dista dalla Via Lattea circa 52 milioni di anni-luce.(wikipedia)
Alle 3 ore di RGB, ripresi a Maggio dello scorso anno, ho aggiunto 2,40 ore di Luminanza ripresi la scorsa notte su quella che è conosciuta come Galassia Ago, anche se a me ricorda più un UFO.
LRGB 220':60':60':60'
LUM: subs 10' binning1 - L-Pro Filter
RGB: subs 5' binning2
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

martedì 31 marzo 2020

M82 Cigar Galaxy - Ursa Major

Lainate, 31 Marzo 2020
La Galassia Sigaro è una galassia attiva nella costellazione dell'Orsa Maggiore; si trova a circa 12 milioni di anni luce ed è associata alla più grande e famosa M81. Si tratta di un ottimo esempio di galassia starburst. (Wikipedia)
Si tratta sempre della ripresa del 17/3 u.s. di cui ho fatto ex-novo l'elaborazione, in particolare curando meglio i colori.
M82 - Crop
LRGB 170':35':35':35' + H-alpha 135'
L: 17x10' binning1 -  L-Pro Filters
Ha: 9x15' binnin1 - 7nm Filters
RGB: 7x5' binning 2 (for each channel)
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

domenica 29 marzo 2020

Pk164+31.1 Headphone Nebula (Jones Emberson1) Lynx

Lainate, 29 Marzo 2019
Ripresa molto più complicata di quanto immaginassi. Si tratta infatti di una debolissima nebulosa planetaria (magnitudine 14) nella parte settentrionale della Costellazione della Lince.
Avevo già fatto oltre 3 ore di ripresa la scorsa settimana a cui ho aggiunto un'altra ora abbondante ieri sera (prima del sopraggiungere delle nuvole) per quasi 5 ore complessive di ripresa ( 280 minuti) e devo dire che il risultato è veramente modesto. Attualmente si trova in posizione favorevole alle riprese (transita dal meridiano attorno alle 20) e quindi valuterò nei prossimi giorni se fare ulteriore integrazione (aggiungendo magari anche riprese in OIII)  o se, vista la difficoltà, soprattutto da un cielo cittadino, accontentarmi di quanto ottenuto.
14x20' h-alpha binning1 - Optolong 7nm Filter
Vixen VMC200L rid. f/6  (F1206mm) - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

mercoledì 25 marzo 2020

IC443 Jellyfish Nebula - Supernova rest in Gemini Constellation

Lainate, 24 Marzo 2020
IC 443 è un resto di supernova situato nella costellazione dei Gemelli. Si crede che sia stato originato da una supernova esplosa in un periodo compreso fra 3000 e 30.000 anni fa, e che il nucleo della stella progenitrice responsabile di tale evento abbia formato la stella di neutroni CXOU J061705.3+222127. (Wikipedia)
Ieri sera il cielo, prima che si rannuvolasse, mi ha concesso un paio d'ore di ripresa. La scelta è caduta su una delle ultime nebulose fotografabili in questo inizio di primavera.
6x20' binning1 H-alpha - Optolong 7nm Filter
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60

lunedì 23 marzo 2020

M109 Spiral Barred Galaxy in Ursa Major Constellation

Lainate, 23 Marzo 2020
M 109 è una galassia a spirale barrata a circa 55 milioni di anni luce, nella costellazione dell'Orsa Maggiore; fu scoperta da Pierre Méchain nel 1781. (Wikipedia)
Viste le condizioni non proprio favorevoli del cielo (sereno, ma con foschia), ho dovuto unire alla ripresa effettuata qualche notte fa (LRGB 200:20:20:20) quella fatta nel Marzo 2019 (LRGB 240:80:80:80) per complessive oltre 12 ore di esposizione.
Il tutto con Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - Optolong Filters - iOptron CEM60

domenica 22 marzo 2020

NGC2403 Spiral Galaxy in Camelopardalis Constellation

Lainate, 22 Marzo 2020
NGC 2403 è una grande galassia spirale visibile nella costellazione della Giraffa. Creduta all'inizio una delle galassie a noi più vicine, si scoprì in seguito la sua distanza reale, di 8 milioni di anni luce.(Wikipedia)
Abbiamo avuto qualche nottata di cielo sereno, ma con un po' di foschia, non certo l'ideale per riprese nel cielo profondo. Nonostante quindi le condizioni poco favorevoli due notti fa ho provato a cimentarmi su questa galassia e per il momento mi accontento.
LRGB 360:30:30:30 - Optolong Filters
Lum: subs 15' binning1 L-Pro Filter
RGB: subs 5' binning2 
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60 

mercoledì 18 marzo 2020

M82 Cigar Galaxy - Ursa Major



Lainate, 18 Marzo 2020
Dopo M81 non poteva mancare M82, Galassia Sigaro sempre nell'Orsa Maggiore a cui ho dedicato buona parte della serata e della nottata.
Ha_LRGB - Optolong Filters
RGB 35:35:35 subs 5' binning2
LUM 17x10' binning1 - L-Pro Filter
Ha 9x15' binning1 - 7nm Filter
Vixen VMC200L rid. f/6 (F1206mm) - Moravian G2 8300 - iOptron CEM60